Skip to content

Punto Radio, 02/06/2012

02/06/2012

Paolo Franchini e l’aspro sapore del noir

Etimologia

La derivazione della parola sapore è indubbiamente latina: sapòrem.

Il significato arriva da sàpere, non nel senso di conoscere bensì in quello di “avere gusto”.

In senso metafisico, secondo il mio dizionario etimologico, il sapore è anche quel diletto arrecato dalle cose vaghe e graziose.

Classifiche

I più venduti in Italia

1. Sua Santità. Le carte segrete di Benedetto XVI, Nuzzi Gianluigi
2. Fai bei sogni, Gramellini Massimo
3. Se ti abbraccio non aver paura, Ervas Fulvio

I gialli e i noir più venduti (fonte Ibs)

1. Maigret e il signor Charles, Simenon Georges
2. La donna dei fiori di carta, Carrisi Donato
3. Dentro il labirinto, Camilleri Andrea

Queste top100 complete (e molte altre), al solito, su www.varesenoir.tk.

Qualche consiglio di lettura noir

Un buon sapore di morte (Gabriele Damiani)
L’Italietta di Tangentopoli per un giallo dove nessuno è innocente. Una donna ricca è la moglie del procuratore Nardis, ma anche un’amante di tanti, troppi uomini. Quando il commissario Alesi la trova strangolata, quindi, si presenta un bel problema: risolvere il caso in fretta, senza scandali e prima che la vicenda finisca sulla bocca di tutti. Un intrigo zeppo di corrotti e concussi, un affresco della provincia italiana che fa pensare al mondo di Piero Chiara. Un po’ commedia e un po’ suspence, insomma.

Sapori assassini a Bombay (Kalpana Swaminathan)
Dopo aver perso lavoro, fidanzato e tutti i libri, una giovane si ritrova a vivere con la zia. Non è certo la soluzione ideale per iniziare a scrivere il suo nuovo romanzo e se aggiungiamo che una storia gialla arriva a sconvolgerle l’esistenza… Un ballerino, un’innocente modella, un ricco industriale, una donna dal passato ambiguo, un cuoco intrigante: sono questi i protagonisti di una storia che culmina con un delitto. La ragazza, ovviamente, non si tira indietro, anche perché l’intrigo con cui si trova ad avere a che fare è davvero succulento. In tutti i sensi.

Il “Pensierismo” di Carlo Cavalli

Sapore.

Arezzo, qualche mese fa.
Un aretino di 62 anni beve un sorso di bibita comprata in un supermercato della città.
E si ritrova al pronto soccorso, dopo aver rischiato di ingurgitare pezzi di metallo.
Parte un esposto.
Il sapore?
Tipo Red Bulloni, ma molto più metallico.

http://pensierismi.wordpress.com/

Annunci
No comments yet

Lascia un commento, se ti va

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: